Friday, August 14, 2020

Lockdown 2020

Il mio Lockdown

La regina Elisabetta in uno dei 17 cortometraggi sul lockdown raccolti nel film Homemade del 2020, firmato da Paolo Sorrentino, dice a papa Francesco e a Lebowsky che non è un problema se non può tornare a Londra per la quarantena, "I've been in lockdown for the past 94 years" (sono in lockdown da 94 anni).
Anch'io potrei dire che lo sono da tre anni, in pensione e sto benissimo, una condizione scelta: cioè passo il tempo con le mie passioni e i miei interessi, a casa con Dani, incontrando o avendo contatti con pochissime persone. Quindi se non fosse per la drammaticità della situazione mondiale e per le conseguenze a lungo termine soprattutto per i paesi più poveri e disastrati, potrei direi persino che in lockdown non sono mai stato così bene. Forse perché non ho il "bisogno di socializzare" che moltissimi hanno, ma ho il piacere di incontrare solo le persone che mi interessano per l'affetto che ho per loro o per l'ammirazione nel riconoscere capacità straordinarie come intelligenza, sensibilità artistica, genialità, capacità di sintesi, passione in quello che fanno o anche solo una stupefacente semplicità nel guardare la realtà. Insomma quelli che in qualche modo sono portatori di un significato e che per questo sono affascinanti, anche se non lo sanno. La maggior parte dei comuni mortali, prevalentemente poco interessanti,  non sento il bisogno di cercarli e incontrarli. Almeno da quando sono in pensione ovviamente perché prima ne ho incontrati migliaia e so quindi di cosa parlo.
Per la rivista di Caritas Ticino con Dani abbiamo raccontato un po' il nostro lockdown

 

Fra le cose speciali e particolari che abbiamo fatto seguendo diligentemente le indicazioni delle autorità, ci sono gli inconti coi figli sia alla finestra che in giardino ogni domenica.


E fra le cose simpatiche che ci sono capitate ricordo la comunicazione delle suore Clarisse di Cademario dove andiamo a Messa che, riguardo alla ripresa della liturgia dopo l'interruzione forzata, via mail ci hanno assegnato un posto in terza fila a sinistra, chiedendoci se ci andava bene!

No comments: